Monica Guerra – Entro fuori le mura

presto verrà l’autunno avvertivi
lasciando la mia mano sopra i nidi
d’agosto sorridevi
alla resa improvvisa dei germogli

lo sapevamo entrambe com’è giusto
è così che una sera d’un tratto
la nebbia d’autunno
addolcisce lo sgombero dei nidi

– ora che i corridoi sono quasi muti
la tua stanza sempre in ordine –

non è più la stagione dei germogli
ma l’arco fiorito delle tue ali ridevo
com’è giusto in mano
alla spina dei giorni disabitati

a Virginia (Ottobre, 2018)

le spaccature proliferano
sotto un azzurro incagliato
l’accumulo è seriale

e così i calcoli e le differenze
la mitologia di ciò che è utile

ogni occhio si accorda all’altro
oppure s’inchioda sul fondale

e la voce le mille voci
la fioritura della pietra
restiamo dove
non è il tempo là dove
lo spazio non è cosa

deludiamo i confini
e miele dai seni di ciliegio

diveniamo l’altro,
la stessa cosa

Entro fuori le mura, Arcipelago Itaca 2020.
Con quattro immagini di Virginia Morini e un saggio di Sandro Pecchiari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...